Home | Contatto | Colophon | Sicurezza & Privacy | Mappa del sito

Vantaggi

Non essendo legato a nessuna istituzione finanziaria, il consulente finanziario indipendente è in grado di analizzare e monitorare la completa situazione finanziaria, patrimoniale e assicurativa del cliente. Questo gli permette di gestire in modo ottimale i rischi del cliente.
Il consulente “dipendente” conosce normalmente soltanto la posizione presso il proprio intermediario e quindi, non conoscendo e non potendo intervenire sui portafogli presso altri operatori (p.e. polizze presso un agente assicurativo o un secondo portafoglio titoli presso un’altra banca), non sarà mai in grado di effettuare una consulenza completa. Come se un medico prescrivesse al paziente una medicina, senza sapere che medicine il paziente sta già prendendo. Soltanto mediante la conoscenza della completa situazione del cliente il consulente finanziario indipendente è in grado di proporre soluzioni adeguate e di gestire in modo ottimale il rischio mediante una corretta diversificazione (asset allocation).

Non ci sono limiti di scelta per le soluzioni d’investimento.
Vengono consigliati in prima linea strumenti finanziari efficienti che il cliente può acquistare presso la sua banca di fiducia. Ma non sempre un investimento in titoli può rappresentare la soluzione migliore per il cliente e quindi le raccomandazioni possono riferirsi anche ad altre soluzioni, come p.e. immobili, metalli preziosi in forma fisica, terreni, fotovoltaico, ecc.

Risparmio dei costi e rendimenti superiori.
Il consulente finanziario indipendente si pone tra l'investitore e l'intermediario (banca, sim, agente assicurativo) ed assiste il cliente nelle proprie scelte di investimento. I "prodotti" offerti dagli intermediari rappresentano quasi sempre costose scatole preconfezionate che vanno a remunerare l'industria del risparmio gestito. Soltanto il consulente finanziario indipendente, infatti, può offrire una consulenza esperta ed obiettiva, mettendo in evidenza i reali costi dei prodotti finanziari (onerosi costi che vengono prelevati automaticamente e quotidianamente dal patrimonio del cliente) e le inefficienze degli stessi. Trova soluzioni personalizzate, composte da strumenti efficienti (e non da prodotti costosi), alle quali l'investitore può tranquillamente accedere tramite la propria banca di fiducia. Ovviamente, trattandosi di strumenti efficienti (con costi ridottissimi o nulli), nessun operatore tradizionale li consiglia, in quanto non remunerativi in termini di provvigioni di vendita. I vantaggi finanziari che derivano da una consulenza finanziaria indipendente sono notevolmente superiore rispetto alla parcella del consulente. Questo comporta che i rendimenti dei portafogli gestiti da un consulente finanziario indipendente hanno, a parità di rischio, un rendimento superiore a quelli tradizionali.

È un libero professionista e non un venditore. Questo garantisce neutralità e obiettività.
Chi vende non può dare consigli privi di conflitto d’interesse! Il venditore di un concessionario automobilistico non consiglierà mai a un potenziale cliente di andare a comprare un’auto presso un altro rivenditore che abbia un rapporto qualità/prezzo superiore. E tendenzialmente consiglierà un’auto con maggiori prestazioni e accessori (e che costa di più), anche se questi non necessariamente servono al cliente, in modo da ricavare una provvigione più alta. Lo stesso vale anche nel mondo finanziario. Come il medico scrive una ricetta con la quale il paziente va in farmacia per comprare la medicina, il consulente finanziario indipendente da una raccomandazione personalizzata in forma scritta con la quale il cliente va in banca per comprare i titoli. Che cosa ne pensereste, se il Vostro medico scrivesse una ricetta e poi vi venderebbe anche le medicine (guadagnandoci sopra!)?

Totale trasparenza nel proprio operato e nel rapporto con il cliente.
Non ci sono provvigioni nascoste, né conflitti d’interesse. L’ammontare della parcella del consulente è definito prima dell’inizio rapporto e inserito nel contratto scritto di consulenza.

Si limita a dare consigli operativi e non entra mai in possesso del denaro del cliente. La decisione rimane al cliente.
Il consulente finanziario indipendente non esegue le operazioni delle raccomandazioni personalizzate effettuate per il cliente. Se la raccomandazione consiste p.e. nell’acquisto di un certo titolo finanziario, allora questa gli viene comunicata per iscritto ed il cliente può decidere, di comprare o meno il titolo stesso. È estremamente importante che il cliente capisce le motivazioni sottostanti alla raccomandazione, in modo da poter effettuare una decisione consapevole. In questo modo il cliente mantiene sempre il totale controllo sul suo patrimonio.

Videoclip "Cos’č la consulenza finanziaria indipendente"

  Studio Kofler | Dr. Hermann Kofler | Via Ugo Foscolo 7 | 39012 Merano (Bolzano) | Italia | P. IVA 02451820217 | Tel. +39 335 203365